News ed Eventi - ENTRATALIBERA

ENTRATALIBERA banner
news/events
January 19, 2009
GLOBUS des
GLOBUS design Michiel van der Kley
The Globus is a complete mobile work station in an innovative, compact form. We predict a great future for this sophisticated work station on wheels, a truly appealing example of innovative design. The Globus has everything you might expect of an instant classic. Until then, as well as providing food for conversation, the Globus will provide an inspiring working environment for todayís more flexible employee. At home and at the office.
October 13, 2008
IL DESIGN
IL DESIGN E' UNA PALLA - Urbino 2008
For the third edition of PAROLE IN GIOCO Bruno Rainaldi has designed with Terzani the installation "IL DESIGN E' UNA PALLA" in the foyer.
October 13, 2008
SANZIO THE
SANZIO THEATRE - Urbino 2008
For the third edition of PAROLE IN GIOCO Bruno Rainaldi has made with Opinion Ciatti the scenography of the stage at the Teatro Sanzio in Urbino, installing a library PTOLOMEO of 4.5 meters, a table Fe + Fe and TAB.U stools to accommodate guests.
October 13, 2008
PAROLE IN
PAROLE IN GIOCO - ALESSI - NOME PROPRIO DI COSA
PAROLE IN GIOCO - URBINO 2008

Alessi che per l'occasione presenta un piccolo libricino, con l'aiuto di autori noti e personaggi famosi, racconta la storia di icone del vivere quotidiano. Anche la PTOLOMEO fa parte di queste icone e viene cosi raccontata da Stefano Salis:

Ptolomeo, ptolomeo, perchè sei tu Ptolomeo?
Sei così docile e forte, semplice e complesso. Ptu sei la nuova libreria, pti guardo e ti bramo, ti prendo e ti sistemo: stammi a fianco, a portata di mano, a portata di pensiero, accanto al comodino, dalle parti del destino.
E mi piace che pti nascondi, sei timido, ti metti in disparte. Fai sparire i ptuoi arti e fai vedere solo i miei libri. Mi piaci, perchè non dai ordini, non fai ordine. Ptu tieni i libri e li fai salire in cielo, basta con la fila ptutta ordinata in orizzontale, basta con il vecchio scaffale. In ptesta, in alto, ti ci metto quelli che mi piacciono di più, li voglio vedere subito, appena pti butto anche solo un occhio distratto.
Mi piace quando pte li sposto, li tolgo, li rimetto e li rigiro. Che belle quelle coste, ptutte colorate, si possono leggere anche i ptitoli e farne una poesia, di quelle spudorate, senza senso, senza filo, senza coda, senza inizio.
E poi sai che ti dico: quasi quasi la prossima volta li giro tutti dall'altra parte. Vedrà solo delle pagine, è vero. Ptu e i ptuoi, i miei, libri.
Ma vuoi mettere il piacere di leggere senza progetto, a casaccio, a sbalzo, a uffa, a sfinimento? Il piacere di non sapere?
Ptolomeo, ptolomeo sopporti tutto sulle ptue spalle esili e forti. Allungami un altro libro, portalo in alto, Ptolomeo, ptu, che ormai sei una piccola grande colonna della casa.
Stefano Salis
(da, NOME PROPRIO DI COSA, Chiara Alessi, Maria Perosino, p.25)
Info
Name and Surname
Telephone
Email
Country
City
Message
Press